sabato 6 giugno 2015

Leggendo "Cuore primitivo" di Andrea de Carlo

Titolo: Cuore primitivo
Data di pubblicazione: 17 Settembre 2014
Casa editrice: Bompiani
Autore: Andrea de Carlo
Prezzo: 18,00 €
Pagine: 368
ISBN: 9788845277405
Il mio voto: 

Trama dell'editore:

Mara Abbiati, scultrice di grandi gatti in pietra, e suo marito Craig Nolan, famoso antropologo inglese, hanno una piccola casa di vacanza vicino a Canciale, paesino ligure arrampicato tra il mare e l’Appennino. Un mattino d’estate Craig sale sul tetto per controllare da dove sia entrata la pioggia di un temporale estivo, e ci cade attraverso, quasi spezzandosi una gamba. Alla disperata ricerca di qualcuno che gli aggiusti la casa, vengono in contatto con Ivo Zanovelli, un costruttore con molte ombre nella vita. Nel corso di pochi giorni di un luglio incandescente l’equilibrio già precario di ognuno dei tre si rompe, e fa emergere con violenza dubbi, contraddizioni, desideri fino a quel momento dormienti. In Cuore Primitivo, il suo diciottesimo romanzo, Andrea De Carlo utilizza le tecniche di spostamento della prospettiva sviluppate in Giro di vento, Leielui e Villa Metaphora, per raccontare a capitoli alterni le ragioni dei tre protagonisti in tutta la loro complessa, incontrollabile verità.

Leggendo "Smith & Wesson" di Alessandro Baricco

Titolo: Smith & Wesson
Data di pubblicazione: 29 Ottobre 2014
Casa editrice: Feltrinelli
Autore: Alessandro Baricco
Prezzo: 10,00 €
Pagine: 108
ISBN: 9788807031229
Il mio voto: 

Trama dell'editore:
Tom Smith e Jerry Wesson si incontrano davanti alle cascate del Niagara nel 1902. Nei loro nomi e nei loro cognomi c’è il destino di un’impresa da vivere. E l’impresa arriva insieme a Rachel, una giovanissima giornalista che vuole una storia memorabile, e che, quella storia, sa di poterla scrivere. Ha bisogno di una prodezza da raccontare, e prima di raccontarla è pronta a viverla. Per questo ci vogliono Smith e Wesson, la coppia più sgangherata di truffatori e di falliti che Rachel può legare al suo carro di immaginazione e di avventura. Ci vuole anche una botte, una botte per la birra, in cui entrare e poi farsi trascinare dalla corrente. Nessuno lo ha mai fatto. Nessuno è sceso giù dalle cascate del Niagara dentro una botte di birra. È il 21 giugno 1902. Nessuno potrà mai più dimenticare il nome di Rachel Green? E sarà veramente lei a raccontarla quella storia?

sabato 11 aprile 2015

Recensione "Feral Children" di Manticora Autoproduzioni

Cover del volume realizzata da
Ivan Lodi e Anna Ferrari
Ciao a tutti, come state? spero bene in quanto è tantissimo che non scrivo un post sul blog e me ne rammarico molto. Chiedo inoltre venia per essere incredibilmente in ritardo con questa recensione, se consideriamo che il volume è uscito per lo scorso Lucca Comics sono passati veramente tantissimi mesi. Tuttavia non sono proprio riuscito a dedicarmi al blog prima in quanto al lavoro i mesi che precedono Pasqua sono a dir poco infernali e la voglia di dedicarsi al computer dopo esserci stato davanti in ufficio per 8/10 ore è praticamente pari a 0. Inoltre sono tantissime settimane che non vado in fumetteria (tranquilli ho avvisato il mio fumettaro altrimenti si sarebbe sparato per aver pensato di perdere la sua principale fonte di sostentamento) di conseguenza, anche se i volumi vecchi ancora da leggere sono moltissimi non ho proseguito con le mie serie consuete, quindi quando riprenderò dovrò chiedere un finanziamento per recuperare tutto.
Comunque bando alle ciance e partiamo a parlare di questo nuovo lavoro di Manticora Autoproduzioni ovvero Feral Children! Non mi dilungherò a parlarvi di quanto siano fantastici questi ragazzi perché li ho già lodati ampiamente nelle recensioni dei loro precedenti lavori. Recensioni che trovate ovviamente qui sul blog basta che cercate i post legati dai tag. Come vi dicevo questo volume è uscito per lo scorso Lucca Comics 2014 e si divide principalmente in quattro storie scritte ognuna da un autore diverso. In ordine di apparizione abbiamo le storie di Flavia Biondi (Barba di perle, Sindrome, Tenebre e L'orgoglio di Leone), Anna Ferrari (Sindrome e Spine), Lorenza de Luca (Sindrome e Instrumenta) e Ivan Lodi (Sindrome e Spine) inoltre alla fine dell'albo sono presenti alcune illustrazioni, basate sempre sul tema del volume realizzate da tantissimi autori italiani, tra cui anche altri membri del team Manticora, come omaggio a questo lavoro. Il titolo del volume, abbastanza altisonante è accompagnato da un sottotitolo "storie di bambini selvaggi" che in parte ben esplica di cosa trattano i quattro racconti proposti, ovvero di esseri umani che si sono trovati per un motivo o per un altro a vivere e crescere a strettissimo contatto con la natura, quasi a diventarne parte integrante. Del tutto privi di istruzione e ragione queste persone si sono abbandonate completamente al loro istinto venendo a somigliare sempre di più a vere e proprie belve selvagge le cui uniche necessità si sono ridotte ad essere la libertà e la sopravvivenza. Alcune delle storie proposte nel volume sono frutto di pura immaginazione altre invece si basano su episodi realmente avvenuti e documentati dalla cronaca. Anche gli stessi autori sembra che si siano lasciati andare al puro istinto per realizzare questi lavori in quanto i messaggi proposti sono talmente forti e le immagini così taglienti da riuscire a colpire profondamente il lettore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...